Come gestire un MELASMA

Intanto, come ben saprà chi ne ha uno, il melasma è una macchia della pelle, odiosissima e difficile da debellare.

Una macchia della pelle è una zona soggetta ad iper pigmentazione più o meno omogenea, le cui cause possono principalmente essere ormonali (gravidanza, ciclo mestruale irregolare, pillola anticoncezionale mal dosata ecc..), per via del fumo o per via del sole (che tra l'altro peggiora in ogni caso la situazione nel caso in cui non fosse la ragione scatenante). Ma anche semplicemente un uso smodato di prodotti per il viso di cattiva qualità, o più tristemente, ereditarietà.


Il melasma dunque, va trattato con cura, basta un niente che peggiora, diventa più scuro.

Si può anche incorrere in una depigmentazione della pelle generale del viso senza che lui necessariamente cambi colore, sembrando cosi ancora più scuro.


Ma c'è una soluzione.

Innanzi tutto la pazienza, ahaha si. Bisogna identificare un trattamento, provarlo e avere pazienza per dare il tempo agli agenti attivi del prodotto di funzionare senza farsi prendere dal panico o fossilizzarsi ogni giorno con l'effetto di vedere solo la macchia scurirsi ai nostri occhi.

Usare la crema solare. Sempre.

A maggior ragione se state utilizzando dei prodotti che schiariscono la pelle, non proteggersi dai raggi UV quotidianamente anche se piove, anche in inverno, può portare a un immediato peggioramento della macchia rischiando che non ve ne liberiate mai più.

Eucerin ha una linea di prodotti specifici per il trattamento del melasma ma, in generale, bisogna prepararsi ad utilizzare acidi AHA.

Gli acidi esfolianti o peeling chimici infatti, velocizzando il processo di rigenerazione cellulare, eliminano il deposito di cellule morte e scure strato dopo strato e stimolano la nascita di quelle nuove.


Tra gli acidi esfolianti più efficaci vi consiglio:

- ACIDO GLICOLICO, meglio se contenuto in prodotti ad alta concentrazione di bava di lumaca, la quale oltre ad averne per natura, ha anche effetti riparatori ed idratanti che male di sicuro non fa.

- ACIDO RETINOICO, i cosiddetti retinoidi o prodotti a base di retinolo. Ottimi per le pelli più mature, esfoliano gradualmente favorendo la scomparsa delle macchie.

- TRETINOINA, un po' aggressivo, spesso utilizzando anche per la cura di acne o di conseguenze dell'acne.

- ACIDO MANDELICO, per chi vuole optare per un rimedio più soft ma non meno efficace. Consigliabile scegliere una concentrazione superiore al 30% ed effettuare il peeling presso un centro di medicina estetica specializzato.

- THIAMIDOL, un ingrediente brevettato da Eucerin, che alcuni di voi sanno essere un brand che amo e uso molto, inserito nella loro linea Anti-Pigment per la gestione dell'iper pigmentazione sul viso.


Utilizzando quotidianamente e con le giuste precauzioni, prodotti contenenti uno o alcuni di questi ingredienti, vedrete piano piano svanire il vostro melasma o macchia della pelle.

Vi metto il link Amazon dove potete direttamente acquistare i prodotti della linea Anti-Pigment di Eucerin e qualche altro suggerimento.


Tra i migliori suggerisco:

- crema alla bava di lumaca Koklea ( https://amzn.to/2BrDVqS ).

- tonico acido glicolico al 7% The ordinary ( https://theordinary.deciem.com/product/rdn-glycolic-acid-7pct-toning-solution-240ml?ccvis=1 ).

- Regenecalm 2% The Face Theory (https://www.facetheory.com/products/regenacalm-serum ).

- linea Eucerin Anti-Pigment composta da Sieri, crema giorno con spf 30, crema notte e trattamento localizzato:







Concludo specificando che i trattamenti Eucerin non vanno necessariamente acquistati tutti per una routine concentratissima, ma si può scegliere quello che più si presta allo scopo e sposare le abitudini di ognuno di noi, considerando la densità del prodotto e quando si preferisce utilizzarlo durante la giornata.

Testandone poi l'efficacia man mano, si può valutare in seguito di integrare il trattamento con un altro step.

L'importante è non disperare, perché con una buona skincare si può risolvere (quasi) tutto.

Ciao

164 visualizzazioni5 commenti

©2020 di Sophie Alice.